Sabato 25 Giugno 2022
user  - 
LINEA DIRETTA 0322 863 789

Cerutti Work Academy

Per trovare velocemente ciò che stai cercando, scrivi qui qualche parola chiave...

Certificazione FGAS per acquistare split e apparecchiature refrigeranti

Nota informativa

Con l'introduzione del nuovo regolamento europeo F-Gas n° 517/2014 molti operatori del settore ci hanno chiesto se la vendita di apparecchiature precaricate con F-Gas, effettuata da distributori, importatori, rivenditori di elettrodomestici e grande distribuzione (supermercati, brico center ecc.) a privati, e comunque a soggetti non certificati, potrà continuare come sempre fatto, ovvero senza richiedere alcun documento o rilascio di dichiarazione. 

La nostra interpretazione,

dopo aver analizzato il CAPO III del regolamento (Immissione in commercio e controllo dell'uso, articolo 11 Restrizioni all’immissione in commercio) ed in specifico il paragrafo 5 "le apparecchiature non ermeticamente sigillate, caricate con gas fluorurati a effetto serra, sono vendute agli utilizzatori finali unicamente qualora sia dimostrato che l’installazione è effettuata da un’impresa certificata a norma dell’articolo 10"

è la seguente:

Le apparecchiature, per essere vendute a soggetti non in possesso di certificazione (patentino e/o certificazione aziendale), se precaricate con gas HFC devono essere obbligatoriamente del tipo sigillato (quindi non devono richiedere alcun intervento esterno per l'installazione, ovvero devono essere del tipo "plug-in").

In altre parole il tipico split con unità esterna, non essendo ovviamente un'apparecchiatura sigillata, e richiedendo quindi un'installazione, può essere venduta a privati e/o utilizzatori finali (bar, negozi, ristoranti ecc.) solo se questi dimostrano che l'installazione sarà effettuata da un'impresa od operatore qualificato (in possesso di patentino o certificazione aziendale).

Anche per quanto riguarda la vendita a soggetti giuridici (aziende, quindi utenti finali ma anche installatori non dotati di certificazione F-Gas) di split A/C valgono le stesse regole.

Quindi, sia i privati che soggetti giuridici non in possesso di certificazione personale e/o aziendale dovranno controfirmare, contestualmente all'acquisto, un modello (certificato) con il quale dichiarano che il sistema marca ABCDE matricola XYZW non sigillato sarà installato dall'impresa XYZ dotata di certificazione n° 12345 in corso di validità.

Riportiamo un estratto delle linee guida AREA.

Linee Guida AREA - capitolo X
Vendita di apparecchiature Articolo 11(5)


"Il proposito originale della Commissione Europea suggeriva di vietare la precarica di quei condizionatori d’aria non sigillati ermeticamente.
Uno degli obiettivi è stato quello di assicurare che tale apparecchiatura venisse allora installata da operatori certificati. Questo era già obbligatorio con il Regolamento (CE) 842/2006 ma in pratica veniva violato regolarmente.

Applicazione pratica- come far rispettare tale dovere?


Quali le prove da fornire?


La prova richiesta deve dimostrare che l’installazione sarà effettuata da un’impresa certifica. L’informazione consterà di due parti che dimostreranno:
1. il nome e i dettagli dell’impresa, e
2. il numero di certificazione dell’impresa

A chi dovrà essere fornita la prova?


La prova dovrà essere fornita al venditore ma anche, alle autorità competenti incaricate di controllare che i requisiti siano rispettati.

Come potrà essere fornita la prova?

Ci possono essere diverse possibilità per assicurare il rispetto dei requisiti, esempio:

- Il prezzo dell’apparecchiatura include il servizio di installazione da parte di un’impresa certificata;
- Gli acquirenti compilano un modulo indicando i loro dati, i dati dell’apparecchiatura (numero di serie), la data d’acquisto, e il nome e il numero di certificazione della azienda che eseguirà l’installazione.
I distributori poi conservano i registri di queste informazioni e le inviano alle autorità competenti per possibili controlli. Gli acquirenti sono consapevoli di possibili ispezioni e penali in caso di violazione.

Come assicurare regolari, semplici ed efficaci controlli?

Nel primo esempio riportato, i controlli sono quasi inutili siccome l’installazione è inclusa nel prezzo. Nel secondo esempio, controlli casuali dovrebbero essere realizzati sulla base delle schede compilate con i dati dell’acquirente, che saranno controllati con la azienda certificata indicata sui moduli e che ha eseguito poi l’installazione

FONTE: RIVOIRA GAS SRL

Stampa

Top

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per garantirne il corretto funzionamento e per capire come viene utilizzato, con il fine di migliorarne l'esperienza d'uso e per offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui: Cookie Policy.